UFO ED ALIENI

Pubblichiamo un interessante articolo dell’Ing Giuseppe Merlino tratto dal suo Blog giuseppemerlino.wordpress.com.

UFO = oggetto volante non identificato.
Animale = organismo vivente dotato di sensi e di movimento autonomo.

Alieno = animale evoluto al nostro livello o superiore, vivente su di un pianeta diverso dal nostro.
Per un approccio razionale all’argomento “ufo ed alieni”, dobbiamo necessariamente anteporre due parole sul “fenomeno vita”.

 

Se la vita nasce spontaneamente, bisogna ammettere che si tratta di un evento altamente improbabile: almeno sul nostro pianeta, essa è basata sulla molecola di DNA, estremamente complessa, praticamente un sofisticato software, il cui programma viene puntualmente realizzato nel corso della vita di qualsiasi essere vivente, sia esso pianta o animale. Usando il linguaggio informatico, una singola molecola di DNA contiene circa cento milioni di bit d’informazione !
Le attuali teorie sull’origine della vita propendono per la tesi di una sua nascita casuale e, se le cose stanno così, dobbiamo ammettere che debba trattarsi di un fenomeno piuttosto raro nell’Universo, garantito, ripetiamo, soltanto dal numero, per noi inimmaginabile, di pianeti e satelliti presenti in centinaia di miliardi di galassie, a loro volta formate da centinaia di miliardi di stelle.
Finora abbiamo usato il termine generico “vita”, ma questo termine può indicare qualsiasi tipo di essere vivente: virus, batterio, organismo unicellulare, pianta o animale più o meno intelligente del mammifero uomo.
Agli effetti del nostro discorso, l’interesse va focalizzato esclusivamente su animali che abbiano raggiunto il nostro grado di civiltà o lo abbiano più o meno ampiamente superato.
Il senso di questa premessa è semplicemente questo: è quasi certo che la vita esiste anche altrove nell’Universo, ma una eventuale civiltà al nostro livello di evoluzione o superiore quasi certamente si dovrebbe trovare molto lontano dal nostro pianeta.
Che significa molto lontano ?
E’ certo che una tale civiltà non è presente nel Sistema Solare e neanche su qualche pianeta in orbita attorno ad una delle stelle a noi più vicine: ce ne saremmo inevitabilmente accorti.
Potrebbe anche darsi che la civiltà evoluta più vicina a noi non si trovi neanche su di un pianeta orbitante attorno ad una dei 300 miliardi di stelle della nostra galassia, ma si trovi in un’altra galassia e la distanza tra due galassie è talmente grande che per noi è semplicemente inconcepibile.
In definitiva, per motivi probabilistici, una eventuale civiltà al nostro livello o superiore, si dovrebbe trovare ad una distanza per noi semplicemente inimmaginabile.
La possibilità di un eventuale contatto con una tale civiltà presenta due ordini di problemi, uno spaziale ed uno temporale:
Il problema spaziale è dovuto essenzialmente al fatto che, almeno per quanto ne sappiamo, la velocità più alta raggiungibile nel nostro Universo è la velocità della luce (300.000 km/secondo) che è un limite assolutamente invalicabile. Questo limite vale ovviamente non solo per una fantascientifica astronave capace di viaggiare a velocità prossime a quella della luce, ma anche per qualsiasi tipo di segnale che potremmo usare per scambiare informazioni.
La stella a noi più vicina, attorno alla quale siamo quasi certi che non c’è vita intelligente, dista da noi 4,2 anni luce. Eventuali alieni in possesso di tecnologie identiche alle nostre impiegherebbero 75.000 anni per giungere fino a noi, figuriamoci se la civiltà più prossima a noi si trovasse invece nella nostra vicina galassia di Andromeda che dista da noi circa due milioni e mezzo di anni luce.
Il problema temporale è dovuto invece al fatto che questa ipotetica civiltà aliena “vicina” dovrebbe essere a noi contemporanea: il nostro pianeta si è formato solo 4,54 miliardi di anni fa, mentre l’Universo è nato col Big-Bang 13,82 miliardi di anni fa, per cui l’eventuale civiltà aliena “vicina” potrebbe già essere scomparsa, inghiottita dalla morte della sua stella.
Queste considerazioni iniziali sono indispensabili per un corretto approccio all’argomento “UFO”.
Col termine UFO si intende un oggetto volante non identificato osservato da uno o più testimoni.
Il primo avvistamento di un UFO in epoca moderna risale al 1947 negli USA. Da allora questi avvistamenti si sono ripetuti in numero veramente considerevole su tutto il pianeta fino a tutt’oggi.
Scartando numerosi avvistamenti che potrebbero avere una spiegazione metereologica o che potrebbero riferirsi a palloni sonda, satelliti o veicoli militari la cui sperimentazione è mantenuta segreta, resta un buon numero di episodi (intorno al 22%) che non hanno avuto finora una spiegazione, talvolta anche riferiti da persone attendibili, come membri delle forze dell’ordine o militari. In alcuni casi questi oggetti sono stati anche rilevati dai radar in varie parti del mondo.
Ma il fenomeno UFO ha un’origine molto più antica: avvistamenti sono segnalati in epoca romana e per tutto il Medioevo. Ma segnalazioni e raffigurazioni pittoriche di misteriosi oggetti volanti le troviamo poi anche in quasi tutte le civiltà del passato, dall’India alla Cina, dall’America precolombiana al Giappone.
Fin dal primo avvistamento moderno si diffuse l’ipotesi che gli UFO potessero essere navi spaziali aliene provenienti da altri pianeti o navette di esplorazione provenienti da una nave spaziale madre aliena situata molto più lontano.
Per quanto esposto all’inizio di questa nota, ciò dovrebbe essere impossibile, ma gli ufologi ed anche qualche scienziato, hanno avanzato l’ipotesi che questi alieni potessero avere la capacità tecnologica di raggiungere velocità superiori a quelle della luce, potendosi spostare da punto a punto dell’Universo attraverso le “pieghe” dello Spazio-Tempo, ipotizzate anche dalla moderna teoria del ponte di Einstein-Rosen, un ipotetico “tunnel” nello Spazio-Tempo, detto wormhole, che permetterebbe di utilizzare una “scorciatoia” tra un punto e l’altro dell’Universo, viaggiando quindi a velocità di molto superiori a quella della luce (ovviamente solo agli effetti di un osservatore esterno).
Resta comunque da chiedersi perchè questi alieni che ci osservano da migliaia di anni non si siano mai manifestati e non abbiano mai cercato un contatto con noi.
Anche in questo caso si fanno delle ipotesi: questi esseri potrebbero ritenere che non siamo ancora pronti ed aspettano che la nostra civiltà evolva ulteriormente.
Ma ci sono ipotesi anche più inquietanti: data la complessità della molecola del DNA, alcuni ritengono che possa essere stata creata artificialmente e questi alieni potrebbero essere semplicemente i nostri creatori che attendono di raccogliere i frutti della loro creazione quando questi saranno maturati, ovviamente non sappiamo a quale scopo, probabilmente per noi incomprensibile.
Su questo discorso si inserisce la teoria di Zecharia Sitchin, uno dei pochi studiosi al mondo in grado di decifrare le tavolette sumeriche.
Egli asseriva che gli dei sumeri Anunnaki fossero esseri extraterrestri che avevano creato l’uomo attraverso manipolazioni genetiche su forme viventi preesistenti e che avessero anche dato l’avvio alle grandi civiltà.
Questi concetti sono presenti anche nelle opere di quegli studiosi della Bibbia che vedono negli Elohim che crearono l’uomo, degli esseri extraterrestri non dissimili da noi (Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza).
Sono molti i testi sacri, Bibbia compresa, che parlano di esseri alieni (nel senso di “non umani”) che, in un lontano passato, hanno avuto contatto con gli uomini ed hanno dato l’avvio alle grandi civiltà che, in effetti, sono sorte quasi improvvisamente e contemporaneamente circa 5.000 anni fa, dopo centinaia di migliaia di anni di preistoria.
In molti testi, sempre Bibbia compresa, si parla anche di accoppiamenti tra questi esseri e le femmine della razza umana.
Ma quali sarebbero le conseguenze di un nostro eventuale contatto con una razza aliena ?
In una celebre intervista, il famoso astrofisico Stephen Hawking disse:
“In un Universo con centinaia di miliardi di galassie, ciascuna contenente centinaia di miliardi di stelle, è improbabile che la Terra sia l’unico luogo dove si sia evoluta la vita. Gli alieni ? Meglio non incontrarli ! Il contatto con la vita aliena potrebbe essere disastroso per la razza umana. Il motivo? Gli alieni potrebbero tentare di sfruttare la nostra Terra per le sue risorse, per poi proseguire. Quando Colombo sbarcò in America, le cose non sono più andate così bene per gli indigeni”.
In effetti gli indigeni americani accolsero con grande entusiasmo i conquistadores spagnoli, ma questi non ci pensarono due volte a sterminarli quasi tutti, a rendere schiavi i superstiti, ad imporre la loro religione, tutto questo al solo scopo di sfruttarne le risorse, soprattutto oro e argento.
Anche Zecharia Sitchin, nella sua teoria, che, anche se potrebbe avere un fondo di verità, in alcuni punti riteniamo un po’ troppo fantasiosa, afferma che gli Anunnachi avevano creato l’uomo per usarlo come schiavo nelle miniere d’oro in Africa.
Anche il premio Nobel per la Fisica 2011 Brian Schmidt disse:
“Un incontro con gli alieni potrebbe non essere molto piacevole e potrebbe essere rischioso diffondere le coordinate del nostro pianeta nello spazio, per cercare un eventuale incontro con gli extraterrestri. Non sarebbe la cosa piu’ intelligente far sapere dove siamo, perchè quello con gli alieni potrebbe essere un incontro non proprio felice”.
Tornando alle dichiarazioni di Hawking, soffermiamoci sulla frase “Gli alieni potrebbero tentare di sfruttare la nostra Terra per le sue risorse, per poi proseguire”.
Dato che Hawking è uno scienziato e deve restare “con i piedi per terra”, non può ammettere che la velocità della luce possa essere superata, per cui in questa sua frase è implicito il concetto di “Civiltà aliena nomade”.
Potrebbero esistere una o più civiltà aliene “nomadi”, cioè che si spostano continuamente nell’Universo su enormi astronavi della grandezza di un piccolo pianeta, come Marte o la Terra, per esempio, o della grandezza di un satellite come la Luna e questa potrebbe anche essere una interpretazione del pianeta Nibiru dal quale, secondo i Sumeri, provenivano gli Anunnaki.
Su queste astronavi gli alieni compirebbero tutto il loro ciclo vitale, nascita, vita, morte e viaggerebbero per il cosmo, mentre si susseguono le generazioni.
Queste civiltà, nel loro eterno peregrinare, si fermerebbero di tanto in tanto su qualche pianeta che potrebbero sfruttare per rifornirsi di ciò che gli occorre.

 

Concludiamo questa breve nota con la nostra opinione personale.

 

Siamo convinti che la vita esiste in altri punti dell’Universo, ma che questi punti potrebbero essere veramente lontanissimi tra loro, per cui non sarebbe remota la possibilità che le varie Civiltà non potranno mai avere contatti l’una con l’altra: “Rari nantes in gurgite vasto” come diceva Virgilio …
Siamo un po’ scettici sul fenomeno degli UFO, ma siamo prontissimi ad essere smentiti ed aperti ad ogni possibilità.
Ammettiamo che il passato dell’Umanità presenta qualche punto oscuro ancora tutto da chiarire e siamo possibilisti su di un contatto con alieni che potrebbe essere effettivamente avvenuto agli albori della civiltà umana.
Infine concordiamo sulla tesi che un contatto con una razza aliena potrebbe essere pericoloso per noi.

MUTAZIONE NEL DNA UMANO 4.500 ANNI FA

Milioni di anni di preistoria sono stati interrotti improvvisamente poche migliaia di anni fa dalla apparizione delle prime civiltà.
Ora la rivista scientifica “Nature” rende ufficiale quanto già si sospettava da tempo: 4.500 anni fa c’è stata un’improvvisa ed inspiegabile mutazione nel DNA umano.
La scoperta proviene da numerosi studi differenti condotti da numerosi scienziati in varie parti del mondo ed è stata pubblicata su “Nature” il 23 Aprile 2013, dopo otto mesi di analisi ed indagini da parte della redazione scientifica della rivista.
L’Europa, nella preistoria,  è sempre stata teatro di numerose migrazioni, ma la prima ondata decisiva avvenne circa 40.000 anni fa, quando popolazioni provenienti dall’Africa si stanziarono definitivamente sul nostro continente.
Questi erano cacciatori e raccoglitori e non conoscevano l’agricoltura.
Successivamente, circa 7.000 anni fa, queste popolazioni furono scalzate dell’arrivo di popolazioni di agricoltori che provenivano dalla attuale Turchia e dal Medio-Oriente.
Poi avvenne un fatto inspiegabile: dall’analisi di numerosi scheletri datati tra 5.000 e 4.000 anni fa, si è registrata un’improvvisa mutazione genetica. Gran parte dei geni caratteristici delle popolazioni europee dell’epoca, scompaiono improvvisamente, lasciando il campo a geni completamente differenti.
Questi nuovi geni sono quelli attualmente presenti in circa il 45% della popolazione mondiale attuale.
In pratica miliardi di individui che popolano attualmente il nostro pianeta, discendono da un ristretto gruppo di individui, apparsi improvvisamente circa 4.500 anni fa.
La cosa interessante è che proprio in quell’epoca sono nate le grandi civiltà e, dopo milioni di anni, l’uomo è uscito dalla preistoria.
 ….Dal Blog dell’Ing. Giuseppe Merlino

 

http://giuseppemerlino.wordpress.com/

NOSTRADAMUS: Invasione Islamica dell’Europa?

Riportiamo alcune quartine della Profezia di Nostradamus che si riferiscono ad una futura invasione islamica dell’Europa.

 

Centuria V – quartina 55

De la felice Arabe contrade
naistra puissant de loy Mahométique,
vexer l’Espaigne, conquister la Grenade,
et plus par mer à la gent Lygustique.

Dalla felice nazione Araba
nascerà potente la Legge Maomettana
opprimerà la Spagna, conquisterà Grenada
e più per mare alla gente Lygustique

(Lyguistique viene interpretato come “della Lingadoca”, regione francese sul Mar Mediterraneo, o come “della Liguria”)

Centuria I – quartina 18

Par la discorde negligence Gauloise,
Sera passage à Mahommet ouuert:
De sang trempé la terre e mer Senoyse
Le port Phocen de voiles e nefs couvert.

Per la discorde negligenza Francese
sarà aperto passaggio a Maometto:
di sangue intriso la terra ed il mar Senoyse
il porto di Marsiglia di vele e navi coperto.

Centuria I – quartina 9

De l’Orient viendrà le couer Punique
Fascer Hadrie et les hoirs Romulides
Accompagnè de la classe Lybique
Temple Melites et proches Isles vuides.

Dall’Oriente verrà il Cuore Punico
Che ingannerà l’Adria e gli eredi di Romolo
Accompagnata dalla Flotta Libica
Tremare Malta e isole vicine vuotate.

Centuria II – quartina 29

L’Oriental sortira de son siege
Passer les monts Apennin voir la Gaule
Traspercer le ciel, les eaux et neige
Et un chacun frappara de sa gaule

L’Orientale uscirà dalla sua sede,
Passerà i monti Appennini e vedrà la Gallia:
Attraverserà il cielo, le acque e le nevi,
Ed ognuno colpirà con la sua verga.

Centuria III – 27

Prince Lybique puissant en Occident
Francois d’Arabe viendra tant enflammer
Scavant aux letters sera condescendent
La langue Arabe en Francois translater

II Principe Libico iniquo potente in Occidente
II Franco d’Arabia verrà tanto infiammare
Sapiente in Lettere sarà condiscendente
La Lingua Araba in Francese tradurre.

Centuria V – quartina 25

Le Price Arabe, Mars, Sol, Venus, Lyon,
Regne d’Eglise par mer succubera:
Devers la Perse bien pred d’un million
Bisance, Egypte, ver. sepr. invadera.

Il principe Arabo Marte Sole, Venere, Leone
Regno d’Inglese per mare soccomberà:
Verso la Persia ben presso d’un milione,
Bisanzio, Egitto ver. serp. invaderà.

(ver. sepr. intraducibili)

 

Dal Blog dell’Ing. Giuseppe Merlino

http://giuseppemerlino.wordpress.com/

PHOBOS E DEIMOS, I SATELLITI DI MARTE

I due satelliti del pianeta Marte [Phobos (paura) e Deimos (terrore)] sono stati scoperti nel 1877 da Asaph Hall. Ma c’è un fatto abbastanza inquietante: leggiamo questo passo dei “Viaggi di Gulliver” scritto da Jonathan Swift nel 1726 (150 anni prima). “Hanno (gli astronomi lillipuziani) pure scoperto due stelle minori, o satelliti, che girano intorno a Marte, dei quali il più vicino dista dal centro del pianeta principale esattamente tre volte il suo diametro, e il più lontano cinque. Il primo compie il suo giro in 10 ore, il secondo i 21 e mezzo, cosi che i quadrati dei loro tempi periodici sono quasi nella stessa proporzione con i cubi delle loro distanze dal centro di Marte, cosa che mostra chiaramente come siano governati da quella stessa legge di gravitazione che agisce sugli altri corpi celesti” (Parte III, Cap. III, Viaggio a Laputa).
Noi ora sappiamo che Phobos compie un giro attorno a Marte in circa 8 ore e Deimos in 30.
Da quali fonti misteriose Jonathan Swift aveva attinto queste notizie?
Si sa che Jonathan Swift era membro della Massoneria e pare che fosse in contatto con i Cavalieri di RosaCroce, la segretissima società che si era originata parallelamente a quella dei Cavalieri Templari.
Queste considerazioni sono un ulteriore tassello che avvalora la tesi che i frammenti delle conoscenze di una antichissima civiltà siano stai conservati dagli antichi egizi e siano poi in parte venuti in possesso dei Cavalieri Templari e quindi della Massoneria nata dai Fratelli Muratori (Templari sopravvissuti che si dedicavano alla costruzione di Chiese e Cattedrali, sulle cui facciate riportavano i simboli di antichi segreti).

Può interessare sapere che anche Voltaire nel 1750 parlò dell’esistenza delle due lune di Marte nel suo romazo “Micromegas”, che racconta la storia di un gigante proveniente da Sirio in visita al nostro sistema solare. Anche Voltaire era membro della Massoneria come Swift.

Dal Blog dell’Ing. Giuseppe Merlino

http://giuseppemerlino.wordpress.com/

Ma la luna è un Ologramma?

 

Avremmo potuto assistere alla scomparsa della luna…

Così non è stato, la luna continua a brillare in cielo, ma… qualcosa è successo.

La luna è cambiata. 

La luna si è rovesciata e lo mostrano vari video tra cui questo sulla SuperMoon che è uno dei più brevi. E’ in inglese, ma le immagini sono eloquenti.

La luna che vediamo in cielo non è quello che pensiamo, non è un corpo reale; è un ologramma.

Se cercate su Youtube trovate vari video che concordano su questo fatto.

In un mio seminario lo avevamo già “visto” chiudendo gli occhi ed entrando in sintonia con la Luce vera, quella pesante, che svela ben altre realtà. Quel grande ologramma che brilla nel cielo e chiamiamo “luna” è il riflesso olografico di un piccolo satellite artificiale, stazionario appostato vicino alla terra. Non lo vediamo perché è in una zona fuori campo, laddove sono andati gli astronauti americani. Lo spiego nei miei libri e lo suggerisco nel mio video Illusioni Copernicane 

Se così è la storia umana è un colossale inganno al quale governi, chiese e accademie hanno contribuito. Ormai fare ologrammi fa parte della nostra comune tecnologia. Se la luna vista in cielo è un ologramma di un satellite artificiale posto qui vicino ciò significa che qualcuno, già molto tempo fa, sapeva produrre ologrammi e si era stanziato in una zona senza campo, quindi senza tempo.

“La luna ci mostra sempre la stessa faccia”, insegnano a scuola, perché la sua rotazione intorno a se stessa dura tanto quanto la sua rotazione intorno alla terra, circa 28 giorni. Nessun astronomo ha detto che si può rovesciare sotto sopra come appare nella foto in evidenza.

La novità oggi è che l’ologramma luna sta cambiando…

Io lo avevo previsto perché la ”caverna” – la potente eliosfera in cui è immerso tutto il sistema solare – stava per invertire la sua polarità con conseguenze inevitabili su tutte le “caverne” interne. Tra queste la tenue magnetosfera terrestre, a sua volta composta di schermi al plasma, “pareti” che stanno cambiando e su cui si proiettano le immagini, le “ombre”. Perché questa volta si e le altre no? Perché la magnetosfera terrestre in questi ultimi anni è tutta “bucata”, squarciata da ampie zone senza campo elettromagnetico. Questo fatto mette in crisi gli “autori” dell’ologramma e tutti quelli che collaborano con loro. Non a caso oggi il potere ci offre nuove “speranze“ cioè nuove illusioni o apparenti soluzioni.

La speranza si sa è l’ultima a morire. Quando questa finalmente muore, c’è la rinascita della sovranità umana, l’uso conscio della propria Mente Superiore e l’abbandono di quella minore che crede alla “realtà” apparente e a ciò che si dice in TV.

Articolo di Giuliana Conforto – Astrofisica, docente di meccanica classica e quantistica.
FONTE
http://www.giulianaconforto.it/

Non è una luna, è una stazione spaziale… parte 1

Nella vita se ne sentono tante, ma lo sapevate che la Luna è in realtà una gigantesca e antichissima astronave aliena grazie alla quale è possibile controllare (e assorbire) il nostro spirito vitale? No???

una romantica macchina di morte e distruzione
una romantica macchina di morte e distruzione

Bagianate probabilmente, ma studiamo alcune particolari anomalie:
+Presenza di terremoti, magari causati da enormi ingranaggi al suo interno (caratteristica unica di Luna e del pianeta Terra in tutto il Sistema Solare)
+Certe rocce lunari sono più antiche di qualsiasi roccia sulla Terra
+Certi crateri sono troppo poco profondi in relazione al loro diametro, come se fossero degli hangar scavati nella roccia e mimetizzati
+La Luna mostra sempre la stessa faccia al pianeta, quasi a voler nascondere ciò che accade dall’altro lato

la luna di Saturno, Mimas, assomiglia molto di più alla morte nera che la nostra Luna
ciononostante la luna di Saturno, Mimas, assomiglia molto di più alla morte nera che la nostra Luna

E questo solo per restare prettamente in ambito geologico e astronomico. Infatti basta pensare alle miriadi di cospirazioni sulle missioni Apollo. Certe parlano di artefatti UFO e città rinvenuti dagli astronauti e tenute sotto segreto militare (gli astronauti sono praticamente sempre dei piloti militari “maggiorati”, tenuti ad obbedire agli ordini)

buzz aldrin ha rotto questo silenzio negli ultimi anni parlando apertamente di UFO e un enorme obelisco sulla luna di Marte: Phobos
Buzz Aldrin ha rotto questo silenzio negli ultimi anni parlando apertamente di UFO e un enorme obelisco sulla luna di Marte: Phobos

Che la NASA abbia scoperto qualcosa di così sconvolgente sul nostro satellite da abbandonare ogni tentativo di missione con equipaggio umano??

Ufo terrestri parte 1

Spesso si da per scontato che a bordo degli UFO ci siano alieni grigi e bassi, intenti in chissà quale misteriosa impresa cosmica. Ma anche nel mondo delle cospirazioni i luoghi comuni a volte sono errati.

sopra: concept A-12 Avenger sotto: ricostruzione avvistamento UFO triangolare
sopra: disegno concettuale A-12 Avenger (progetto anni 80-90)
sotto: ricostruzione avvistamento UFO triangolare

Innumerevoli sono infatti i progetti avanzati, ufficialmente “scartati” da dipartimenti della difesa di tutto il mondo. Che poi vengano ultimati occultatamente e utilizzati in missioni top secret chi aspettate che ve lo dica???

sopra: avvistamento UFO sigaro sotto: spazioplano sperimentale Boeing X40A
sopra: avvistamento UFO sigaro
sotto: spazioplano sperimentale Boeing X40A

Insomma, per corporation così ricche (trilioni e trilioni di dollari) e industriose cosa volete che sia aggiungere un centinaio di led colorati, così da dare un’apparenza “extraterrestre” a velivoli che potrebbero essere stati montati, senza alcuna possibilità di essere scoperti, nei più remoti centri test e pilotati da giovani piloti militari esaltati!

sopra: brevetto per velivolo con rotore interno (anno 1953) sotto: UFO tipo disco volante
sopra: brevetto per velivolo con rotore interno (anno 1953)
sotto: UFO tipo disco volante

Groom Lake e altre zone che comprendono deserti e catene montuose, sono infatti i preferiti dai militari per le loro basi, e dai cacciatori di UFO per le loro catture fotografiche.

connessi ai fenomeni UFO gli Uomini in Nero appaiono dal nulla in macchine nere dall'aspetto datato
“si signora, siamo rappresentanti della Boeing”

Alcuni video ufo spettacolari

Oggi lasceremo che siano le immagini a parlare, con alcuni dei video più interessanti di avvistamenti UFO.

Il primo video è ormai un classico. Turisti in elicottero sopra Manhattan individuano un disco volante nascosto dietro le Torri Gemelle (è stato girato nel 2000) quello che succede dopo è una delle sequenze più mozzafiato della storia degli avvistamenti UFO video.

Peccato che la provenienza di questo filmato sia il canale di fantascienza SyFi, il che potrebbe renderlo solo una campagna di marketing ben orchestrata.

Storia ben diversa è quest altro video girato dalla NASA nel 96 durante il tentativo fallito di installare un satellite con un tether (cavo di rame e kevlar) di 20 km. Verso la fine dell’operazione di srotolamento dallo shuttle Columbia, il tether si è rotto iniziando a fluttuare nello spazio. Ed è qui che centinaia di oggetti con forme discoidali fanno il loro ingresso in scena, come a studiare il curioso fenomeno. (magari causato proprio da loro). Questo video è ritenuto uno dei più solidi in quanto a prove di UFO residenti nell’orbita bassa del pianeta. Gli scettici descrivono quello che vedono con particelle di polvere e detriti sospesi nello spazio e colpite dalla luce del sole in modo particolare.

Trucchi genetici. Le meduse immortali

Nella lotta contro le malattie raggiungere l’immortalità è un pò come trovare il sacro Graal. Ma a quanto pare ancora una volta l’evoluzione naturale ci ha battuto sul tempo sia nel concepimento che l’attuazione dell’idea!

un giorno ci sei, l'altro pure!
un giorno ci sei, l’altro pure!

Infatti questa minuscola medusa chiamata Turritopsis Dohrnii originaria del Pacifico ma che si è espansa un pò in tutti i mari del mondo ha trovato una maniera innovativa di vivere virtualmente per sempre.

il ciclo vitale è infinito
il ciclo vitale è infinito

Dopo l’accoppiamento invece di invecchiare e perdere piano piano la capacità di mantenersi in vita, questo organismo ritorna invece allo stato di polipo da cui era partito, causando di fatti un loop infinito di crescita e decrescita, piuttosto che nascita crescita e morte.

state pronti ad inniettarvi un pò del loro dna per aggirare i fastidi di una morte naturale
state pronti ad inniettarvi un pò del loro dna per aggirare i fastidi di una morte naturale

Ora l’unica cosa sicura rimasta nella vita sono le tasse.

America sempre più vicina al Terminator

Articolo sponsorizzato da http://www.catramba.com

Il governo americano paga bei milioni (diciamo miliardi) in ricerca e sviluppo per ampliare sempre di più il suo arsenale tecnologico ad uso militare. Negli ultimi 15 anni il focus principale è stato evitare pericolo diretto di perdere vite umane nel campo di battaglia; ovviamente non riducendo gli scontri al minimo indispensabile, ma creando macchine che possano combattere gli umani al posto degli umani.

Un ottimo esempio di macchina da guerra è questo drone X-47B
Un ottimo esempio di macchina da guerra è questo drone X-47B

Macchine volanti senza pilota, armate di missili intelligenti e super-mitragliatori, sono infatti la scelta preferita di Obama, che ha minacciato addirittura il gruppo Jonas Brothers, ospiti alla Casa Bianca, di farli cacciare con i suoi droni Predator, se avessero fatto troppo i provoloni con le sue figlie.

con la goliardia che contraddistingue il premio nobel per la pace
con la goliardia che contraddistingue il premio nobel per la pace

E se pensate che i droni siano una terribile meraviglia tecnologica, vi presento il pretendente n°1 per il premio Terminator: ATLAS.

ne abbiamo fatti di progressi da Johnny 5
ne abbiamo fatti di progressi da Johnny 5

Progettato da Boston Dynamics per il ministero della difesa americano questo modello di androide corazzato farà presto la sua comparsa nei campi di battaglia di tutto il mondo. (finchè qualche hacker non lo trasformerà in un ballerino di break-dance)

Misteri e Segreti da tutto il mondo.